DiRT Rally 2.0 – Breview

DiRT Rally 2.0 è un ottimo seguito per una già convincente simulazione di rally. Codemasters ha rifinito tutti gli aspetti meno raffinati del primo capitolo, consegnandoci un titolo solido in ogni suo aspetto. Una simulazione vera, ma accessibile grazie a un modello di guida rigoroso ma configurabile, reso finalmente godibile interamente anche utilizzando il joypad. Ottimo il parco macchine che racconta la storia di uno sport sempre affascinante, ma è soprattutto il track design a essere il valore aggiunto del gioco. Le 72 tappe (divise in 6 rally) sono a dir poco spettacolari, fra le migliori di sempre per il genere. Completano l’offerta 8 circuiti ufficiali del campionato rallycross, ora molto più centrale nella produzione. Se le sensazioni di guida sono al top e riescono a trasmettere tutta l’adrenalina del rally, la carriera ha una struttura un po’ troppo lineare, e vista la bellezza degli stage Codemasters avrebbe potuto inserire il rifacimento di due rally della passata edizione già nella versione base, senza inserirli nel primo DLC. Infine, l’Ego Engine, pur cavandosela ancora una volta in scioltezza, inizia a sentire il peso degli anni, e il dettaglio complessivo un po’ ne risente. In ogni caso, poco male, perché DiRT Rally 2.0 resta la miglior simulazione di rally presente sul mercato.